Mensile del Santuario di Chiampo

 

Scarica il Mensile in formato PDF (4Mb)

Download PDF

 

Spedite le vostre testimonianze e foto alla nostra rivista. email: rivista@santuariochiampo.com

I gruppi organizzati prenotino la propria partecipazione telefonando al 333.2744781


Sorelle e fratelli carissimi,
con questo numero della rivista ci apprestiamo a concludere l’anno 2018.
Il termine dell’anno civile porta con sé una lunga serie di pensieri e di ricordi, di momenti felici e tristi, di tante cose e di fatti avvenuti nel corso dei dodici mesi.
I momenti di gioia, sperimentati e condivisi nelle numerose ricorrenze religiose del Santuario, sono divenuti incontri importanti per molti pellegrini e devoti, che raggiungono questo luogo per pregare, celebrare, trovare e gustare uno spazio di pace, immersi nel verde del parco, nella tranquillità e nella serenità della Grotta.
Di questi momenti uno ha lasciato tutti sgomenti ed è sempre presente nella memoria: l’incendio del tetto della chiesa del beato Claudio sviluppatosi lunedì sei agosto. I lavori di ripristino dei danni causati dal fuoco sono già iniziati per rendere accessibile la chiesa del Beato e poter celebrare le nostre liturgie.
Nel giorno della festa del Beato Claudio, domenica due settembre, è salito alla Casa del Padre il nostro caro fratello padre Franco, che per molti anni ha servito questo Santuario. Vogliamo ringraziare il Signore per la sua presenza in mezzo a noi. Presenza che si è fatta soprattutto ascolto attento dell’altro nel sacramento della Riconciliazione, nel dialogo interpersonale, e nelle numerose relazioni che negli anni ha costruito. Possa il Signore donargli la pace.
Ringrazio a nome della fraternità ciascuno di voi per l’amore e l’attenzione con cui accompagnate la nostra vita.
Auguro a tutti di vivere un Sereno Natale e un Felice Anno Nuovo!
«Questo Bambino ci insegna che cosa è veramente essenziale nella nostra vita. Nasce nella povertà del mondo, perché per lui e la sua famiglia non c’è posto in albergo. Trova riparo e sostegno in una stalla ed è deposto in una mangiatoia per animali. Eppure, da questo nulla, emerge la luce della gloria di Dio».

Frate Giuseppe Bonato